Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Xagena Salute

Cellule dendritiche nella vaccinazione antitumorale


Le cellule dendritiche sono le più potenti APC ( Antigen Presenting Cells ) , cellule presentatnti l’antigene , in grado di dare avvio alle risposte immunitarie primarie.
La vaccinazione dei pazienti affetti da tumore con le cellule dendritiche ha mostrato una certa efficacia nel linfoma a cellule B . nel carcinoma a cellule renali , nel carcinoma della prostata e nel melanoma maligno.
I Ricercatori del Dipartimento di Ematologia , Oncologia ed Immunologia dell’University of Tubingen ( Germania ) hanno dimostrato che i pazienti con carcinoma mammario avanzato e con carcinoma ovarico possono essere efficacemente vaccinati con cellule dendritiche autologhe presentanti i peptidi derivati da HER-2/neu o MUC1.
I linfociti T citotossici peptidi-specifici sono stati individuati nel sangue periferico in 5 dei 10 pazienti.
Inoltre , in un paziente vaccinato con i peptidi derivati da MUC1 , sono state osservate , dopo diverse vaccinazioni , le risposte delle cellule T specifiche per l’antigene carcinoembrionico , CEA , e per la proteina MAGE-3.
In un secondo paziente immunizzato con i peptidi derivati da HER-2/neu , i linfociti T specifici per MUC1 sono stati indotti dopo 7 immunizzazioni.

E’ in corso uno studio atto ad analizzare l’effetto degli epitopi T-helper e dell’Interleuchina 2 ( IL-2 ) sull’induzione dei linfociti T citotossici , impiegando cellule dendritiche presentanti il peptide. Un paziente con carcinoma a cellule renali metastatizzato ha presentato una parziale remissione nei siti metastatici. ( Xagena2002 )

Brossart MD , Transfus Apheresis Sci 2002 ; 27: 183-186


Indietro