Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Reumabase.it

Combinazione di blocco del checkpoint immunitario e vaccino specifico per il tumore per i pazienti affetti da tumore incurabile correlato a HPV-16


Nel tumore ricorrente guidato da papillomavirus umano ( HPV ), il blocco del checkpoint immunitario con anticorpi anti-PD-1 produce regressione del tumore solo in una minoranza di pazienti.
I vaccini HPV terapeutici hanno prodotto forti risposte immunitarie a HPV-16, ma la sola vaccinazione è stata inefficace per il tumore invasivo.

Si è determinato se l'efficacia di Nivolumab ( Opdivo ), un anticorpo contro il checkpoint immunitario anti-PD-1, sia amplificata attraverso il trattamento con ISA101, un vaccino sintetico HPV-16 a lungo peptide che induce cellule T specifiche per HPV, in pazienti con tumore incurabile HPV-16-positivo.

In questo studio clinico di fase 2 a braccio singolo, 24 pazienti con tumore incurabile HPV-16-positivo sono stati arruolati nel periodo 2015-2016.

Il vaccino ISA101 100 microg/peptide, è stato somministrato per via sottocutanea nei giorni 1, 22 e 50.
Nivolumab 3 mg/kg, è stato somministrato per via endovenosa ogni 2 settimane a partire dal giorno 8 per un massimo di 1 anno.

L’esito principale era la valutazione dell'efficacia riflessa nel tasso di risposta globale ( ORR ) secondo i criteri RECIST versione 1.1.

Dei 24 pazienti ( 4 donne e 20 uomini, 22 con tumore orofaringeo, età media, 60 anni ), il tasso di risposta globale è stato del 33% (8 pazienti). La durata mediana della risposta è stata di 10.3 mesi. 5 degli 8 pazienti continuano ad avere una risposta.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 2.7 mesi. La sopravvivenza globale mediana è stata di 17.5 mesi.

La tossicità di grado da 3 a 4 si è verificata in 2 pazienti ( aumento del livello delle transaminasi asintomatiche di grado 3 in 1 paziente e aumento della lipasi di grado 4 in 1 paziente ), con necessità di interrompere la terapia con Nivolumab.

Il tasso di risposta globale del 33% e la sopravvivenza globale mediana di 17.5 mesi sono promettenti rispetto alla sola inibizione di PD-1 in pazienti simili.
È necessario uno studio clinico randomizzato per confermare il contributo della vaccinazione HPV-16 agli effetti tumoricidi dell'inibizione di PD-1. ( Xagena2019 )

Massarelli E et al, JAMA Oncol 2019; 5: 67-73

Inf2019 Onco2019 Farma2019


Indietro