Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Dose frazionata rispetto a dose standard di vaccino antipolio inattivato nei bambini


Da quando l'OMS ( Organizzazione Mondiale della Sanità ) ha raccomandato l'introduzione di almeno una singola dose di vaccino antipolio inattivato ( IPV ) nei programmi di immunizzazione di routine, ci sono state carenze globali di vaccino IPV.
La somministrazione di vaccino IPV a dose frazionata ( fIPV ) è una delle strategie per garantire la disponibilità di vaccino antipolio inattivato.

Sono stati esaminati gli studi che confrontano gli effetti della vaccinazione IPV frazionata con quella a dose piena per determinare quando le proporzioni di sieroconversione con ciascuna strategia diventino simili nei bambini di età pari o inferiore a 5 anni.

In una revisione sistematica e meta-analisi, sono stati cercati in 16 database a luglio 2019 studi clinici e osservazionali, inclusi studi in corso che hanno confrontato l'immunogenicità e gli eventi avversi della dose frazionata ( 0.1 ml ) con quelli della dose piena ( 0.5 ml ) di vaccino IPV in bambini sani di età pari o inferiore a 5 anni, indipendentemente dal disegno dello studio, dal numero di dosi e dalla via di somministrazione.

È stata valutata l'immunogenicità, l'esito principale, come percentuale di partecipanti sieroconvertiti e i cambiamenti nei titoli medi geometrici degli anticorpi anti-poliovirus.
I tempi erano ammissibili per l'analisi se le misurazioni venivano effettuate almeno 4 settimane dopo la vaccinazione.

In tutto 14 articoli sono stati inclusi nell'analisi finale: 2 studi in corso e 12 articoli che riportavano 10 studi completati.
Per il poliovirus di tipo 2, non ci sono state differenze significative nelle proporzioni di sieroconversione tra le dosi frazionarie e complete di vaccino IPV per due o tre dosi: il risk ratio ( RR ) per la sierconversione a una dose è stato pari a 0.61, a due dosi è stato di 0.90 e a tre dosi è stato di 0.95.

I titoli medi geometrici ( GMT ) per il poliovirus di tipo 2 sono stati inferiori per il vaccino fIPV rispetto al vaccino IPV a dose piena: -0.51 a una dose, -0.49 a due dosi e -0.98 a tre dosi.

La meta-analisi di sieroconversione per il confronto a tre dosi è risultata omogenea ( P=0.45; I2=0% ), mentre è stata osservata eterogeneità nel confronto a due dosi ( P minore di 0.00001; I2=88% ) e a una dose ( P=0.0004; I2=74% ).

L'eterogeneità è stata osservata nella meta-analisi di GMT per una dose ( P minore di 0.00001; I2=92% ), due dosi ( P=0.002; I2=80% ), e tre dosi ( P minore di 0.00001; I2=93% ) confronti.
I risultati per i tipi 1 e 3 sono stati simili a quelli per il tipo 2.
La certezza dell'evidenza è risultata alta per i confronti a tre dosi e moderata per il resto dei confronti.

Non vi è stata alcuna differenza sostanziale nella sieroconversione tra tre dosi di vaccino fIPV e tre dosi di vaccino IPV a dose intera, sebbene la dose completa dia titoli di anticorpi più elevati per il poliovirus di tipo 1, 2 e 3.
L'uso del vaccino antipolio inattivato frazionato invece della dose completa può allungare la durata delle scorte e abbassare il costo della vaccinazione. ( Xagena2021 )

Mashunye TR et al, Lancet Infectious Diseases 2021; 21: 1161-1174

Inf2021 Vac2021 Med2021 Farma2021


Indietro