Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Xagena Salute

Efficacia della prima dose del vaccino ChAdOx1 nCoV-19 e BNT162b2 contro l'infezione da SARS-CoV-2 nei residenti delle strutture di assistenza a lungo termine in Inghilterra: studio VIVALDI


L'efficacia dei vaccini SARS-CoV-2 negli anziani che vivono in strutture di assistenza a lungo termine è incerta.
È stato studiato l'effetto protettivo della prima dose del vaccino a vettore virale non-replicante Oxford-AstraZeneca ( ChAdOx1 nCoV-19; AZD1222 ) e del vaccino a base di RNA messaggero ( mRNA ) Pfizer-BioNTech ( BNT162b2 ) nei residenti delle strutture di assistenza a lungo termine in termini di infezione da SARS-CoV-2 confermata dalla PCR nel corso del tempo dalla vaccinazione.

VIVALDI è uno studio prospettico di coorte che ha iniziato il reclutamento l'11 giugno 2020 per indagare sulla trasmissione di SARS-CoV-2, sugli esiti dell'infezione e sull'immunità nei residenti e nel personale delle strutture di assistenza a lungo termine in Inghilterra che forniscono assistenza residenziale o infermieristica per adulti di età pari o superiore a 65 anni.

In questo studio di coorte, sono stati inclusi residenti in strutture di assistenza a lungo termine sottoposti a test di routine asintomatici per SARS-CoV-2 tra l'8 dicembre 2020, la data in cui il vaccino è stato distribuito per la prima volta in una struttura di assistenza a lungo termine, e il 15 marzo 2021, utilizzando i dati dei test nazionali collegati all'interno del COVID-19 Datastore.

È stato stimato il rischio relativo di infezione PCR-positiva a 0-6 giorni, 7-13 giorni, 14-20 giorni, 21-27 giorni, 28-34 giorni, 35-48 giorni e 49 giorni e oltre dopo la vaccinazione, confrontando il tempo-persona per non-vaccinati e vaccinati dalla stessa coorte di residenti, aggiustando per età, sesso, infezione precedente, incidenza locale di SARS-CoV-2, capacità dei letti della struttura di assistenza a lungo termine e raggruppando per struttura di assistenza a lungo termine.

Sono stati anche confrontati i valori medi della soglia del ciclo PCR ( Ct ) per i tamponi positivi ottenuti prima e dopo la vaccinazione.

In questa analisi sono stati inclusi 10.412 residenti in case di cura di età pari o superiore a 65 anni provenienti da 310 strutture di assistenza a lungo termine.
L'età media dei partecipanti era di 86 anni, 7.247 dei 10.412 residenti ( 69.6% ) erano donne e 1.155 residenti ( 11.1% ) avevano evidenza di una precedente infezione da SARS-CoV-2.

In tutto 9.160 residenti ( 88.0% ) hanno ricevuto almeno una dose di vaccino, di cui 6.138 ( 67.0% ) hanno ricevuto ChAdOx1 e 3.022 ( 33.0% ) hanno ricevuto BNT162b2.

Tra l'8 dicembre 2020 e il 15 marzo 2021, ci sono stati 36.352 risultati della PCR in 670.628 giorni-persona e sono state incluse 1.335 infezioni PCR positive ( 713 nei residenti non-vaccinati e 612 nei residenti vaccinati ).

Gli hazard ratio ( HR ) aggiustati per l'infezione PCR-positiva rispetto ai residenti non-vaccinati sono diminuiti da 28 giorni dopo la prima dose di vaccino a 0.44 a 28-34 giorni e 0.38 a 35-48 giorni.
Dimensioni dell'effetto simili sono state osservate per i vaccini ChAdOx1 ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.32 ) e BNT162b2 ( aHR=0.35 ) a 35-48 giorni.

I valori medi di PCR Ct sono stati più alti per le infezioni verificatesi almeno 28 giorni dopo la vaccinazione rispetto a quelle verificatesi prima della vaccinazione ( 31.3 in 107 test PCR positivi vs 26.6 in 552 test PCR positivi; P minore di 0.0001 ).

La vaccinazione a dose singola con i vaccini BNT162b2 e ChAdOx1 fornisce una protezione sostanziale contro l'infezione negli anziani da 4 a 7 settimane dopo la vaccinazione e potrebbe ridurre la trasmissione di SARS-CoV-2.

Tuttavia, il rischio di infezione non viene eliminato, evidenziando la continua necessità di interventi non-farmacologici per prevenire la trasmissione nelle strutture di assistenza a lungo termine. ( Xagena2021 )

Shrotri M et al, Lancet Infectious Diseases; 2021; 21: 1529-1538

Inf2021 Vac2021 Med2021 Farma2021


Indietro