Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Efficacia e sicurezza del vaccino COVID Nuvaxovid


Uno studio randomizzato e controllato ha valutato l'efficacia e la sicurezza del vaccino proteico spike ricombinante di SARS-CoV-2, adiuvato con Matrix-M, NVX-CoV2373 ( Nuvaxovid ) in circa 30.000 persone.

Lo studio ha incluso una popolazione demograficamente diversificata negli Stati Uniti e in Messico e ha fornito una forte evidenza di un'elevata efficacia nel breve periodo del vaccino NVX-CoV2373 per la prevenzione di Covid-19 ( maggiore del 90% ) e per la prevenzione della forma moderata-grave della malattia ( 100% ).

NVX-CoV2373 è risultato sicuro durante un follow-up di sicurezza mediano di 2 mesi e ha mostrato una reattogenicità transitoria da lieve a moderata.
Non sono stati riscontrati problemi di sicurezza relativi alla vaccinazione, come indicato dalle percentuali simili di partecipanti che hanno segnalato eventi avversi non-sollecitati nel gruppo NVX-CoV2373 e nel gruppo placebo.
Nessuno dei segnali di sicurezza sotto osservazione con altri vaccini Covid è stato riportato in questo studio nel periodo di follow-up di sicurezza riportato, seppur limitato.
Il monitoraggio di sicurezza a lungo termine continuerà per 24 mesi dopo la vaccinazione iniziale.

Lo studio ha ampliato la comprensione dell'efficacia del vaccino NVX-CoV2373 nell'evoluzione della pandemia.
SARS-CoV-2 ha subito un'ampia evoluzione genetica da quando è stato segnalato per la prima volta nel dicembre 2019, con l'emergere di più varianti che possono causare l'evasione immunitaria indotta dal vaccino a base di proteine spike.

NVX-CoV2373 ha mostrato efficacia del vaccino maggiore del 90% nei confronti delle varianti che circolavano durante il picco dell'infezione negli Stati Uniti e in Messico, in gran parte rappresentate dalla variante Alfa.
Una protezione simile contro questa variante è stata osservata nel precedente studio di fase 3 condotto nel Regno Unito ( efficacia del vaccino, 93.6% nello studio attuale e 86.3% nello studio britannico ).
Inoltre, l'efficacia contro la variante Alfa in entrambi gli studi è risultata simile a quella contro le 13 varianti che non erano varianti di preoccupazione o di interesse, e che potrebbero assomigliare più da vicino alla sequenza ancestrale di picchi Wuhan-Hu-1 da cui è stato derivato l'antigene del vaccino; ciò suggerisce che il vaccino induce immunità protettiva a un ampio spettro di varianti oltre il ceppo prototipo.

Alcuni punti di forza aggiuntivi dell'attuale studio includono la diversità demografica della popolazione dello studio, che ha consentito una valutazione dell'efficacia del vaccino tra le minoranze razziali ed etniche che riflettono le popolazioni statunitensi e messicane particolarmente colpite dalla pandemia, comprese le persone di colore, per i quali l'efficacia del vaccino è risultata pari al 100% ( IC 95%, da 67.9 a 100 ).
L'efficacia del vaccino tra le persone ispaniche o latine negli Stati Uniti era inferiore a quella di altri gruppi demografici ( sebbene ancora superiore al criterio di successo prestabilito per l'efficacia del vaccino ); questo potrebbe essere correlato al solo caso o a fattori virali o dell'ospite non-identificati, sebbene il primo sembri essere biologicamente più plausibile.
Tutti i casi endpoint nelle persone ispaniche o latine riceventi il vaccino NVX-CoV2373 erano di gravità lieve.

Diverse limitazioni di questo studio sono degne di nota. I vaccini contro il Covid-19 sono diventati disponibili con l'autorizzazione all'uso di emergenza in concomitanza con l'inizio di questo studio, riducendo l'arruolamento di partecipanti adulti più anziani, che ha poi determinato solo quattro casi endpoint in partecipanti di età pari o superiore a 65 anni e ha impedito una stima utile di efficacia del vaccino negli anziani.
Tuttavia, lo studio di fase 3 del Regno Unito su NVX-CoV2373 ha arruolato un numero sufficiente di anziani per stabilire un'efficacia del vaccino dell'88.9%, simile a quella tra i giovani adulti.

E' stato implementato un crossover in cieco circa 3-4 mesi dopo la prima serie di vaccinazioni per consentire a tutti i partecipanti allo studio di ricevere il vaccino NVX-CoV2373, dopo che l'efficacia del vaccino e la sicurezza richiesta erano state stabilite e riviste dal Comitato di monitoraggio dei dati e della sicurezza.

Infine, come per tutti i principali studi sui vaccini Covid-19, l'efficacia del vaccino è stata valutata in un periodo relativamente breve durante una pandemia in rapida evoluzione.
Gli studi iniziali sui vaccini con RNA messaggero ( mRNA ) negli Stati Uniti hanno testato l'efficacia del vaccino in gran parte contro varianti virali che non erano sostanzialmente diverse dall'antigene del vaccino di origine e hanno mostrato alti livelli di efficacia del vaccino contro Covid-19 di qualsiasi gravità.
I risultati dell'efficacia del vaccino NVX-CoV2373 in studio non solo hanno confermato l'elevata efficacia complessiva del vaccino osservata negli studi precedenti, ma hanno indicato anche che l'efficacia del vaccino era elevata indipendentemente dai ceppi varianti allora circolanti: 100% ( IC 95%, da 85.8 a 100 ) contro quelli che non erano varianti di preoccupazione o di interesse e il 92.6% ( IC 95%, da 83.6 a 96.7 ) contro qualsiasi variante circolante di preoccupazione o di interesse.

Poiché l'accumulo di casi per questa analisi si è verificato durante la prima metà del 2021, quando la variante di preoccupazione Delta non era ampiamente diffusa negli Stati Uniti o in Messico, i casi endpoint di efficacia Covid-19 dovuti a questa variante non sono significativi; pertanto non è possibile stabilire l'efficacia del vaccino contro Delta e altre varianti più recenti.

NVX-CoV2373 è un nuovo vaccino proteico ricombinante adiuvato che può essere aggiunto al portafoglio di vaccini sicuri e altamente protettivi contro i ceppi di SARS-CoV-2 contemporanei e che hanno un profilo di effetti collaterali accettabile.
La stabilità estesa e i requisiti di facile conservazione ( fino a 6 mesi a temperature di frigorifero ) lo rendono adatto per la distribuzione globale. ( Xagena2021 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2021

Inf2021 Vac2021 Farma2021


Indietro