Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Farmaexplorer.it

Efficacia e sicurezza di un vaccino RSV PreF basato su mRNA negli anziani


Il virus respiratorio sinciziale ( RSV ) può causare sostanziale morbilità e mortalità tra gli anziani.
Un vaccino RSV basato su mRNA ( RNA messaggero ), mRNA-1345, che codifica la glicoproteina F ricombinante stabilizzata nella conformazione di prefusione ( RSVPreF3 ), è in fase di sperimentazione clinica.

In uno studio di fase 2-3, in corso, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, sono stati assegnati in modo casuale adulti di età pari o superiore a 60 anni a ricevere una dose di mRNA-1345 ( 50 microg ) oppure placebo.

I due endpoint primari di efficacia erano la prevenzione della malattia del tratto respiratorio inferiore associata al virus RSV con almeno due segni o sintomi e con almeno tre segni o sintomi.

Un endpoint chiave di efficacia secondaria era la prevenzione della malattia respiratoria acuta associata al virus RSV.
È stata valutata anche la sicurezza.

Complessivamente, 35.541 partecipanti sono stati assegnati a ricevere il vaccino mRNA-1345 ( 17.793 partecipanti ) oppure il placebo ( 17.748 ).
Il follow-up mediano è stato di 112 giorni.

Le analisi primarie sono state condotte al verificarsi di almeno il 50% dei casi previsti di malattia del tratto respiratorio inferiore associata a virus RSV.

L’efficacia del vaccino è stata dell’83.7% contro la malattia del tratto respiratorio inferiore associata a infezione da virus RSV con almeno due segni o sintomi, e dell’82.4% contro la malattia con almeno tre segni o sintomi.

L’efficacia del vaccino è stata del 68.4% contro la malattia respiratoria acuta associata a virus RSV.

La protezione è stata osservata contro entrambi i sottotipi di RSV ( A e B ), ed è stata generalmente coerente tra i sottogruppi definiti in base all'età e alle condizioni coesistenti.

I partecipanti al gruppo mRNA-1345 hanno avuto un'incidenza maggiore rispetto a quelli del gruppo placebo di reazioni avverse locali sollecitate ( 58.7% vs 16.2% ) e di reazioni avverse sistemiche ( 47.7% vs 32.9% ); la maggior parte delle reazioni sono state di gravità da lieve a moderata e transitorie.
Eventi avversi gravi si sono verificati nel 2.8% dei partecipanti in ciascun gruppo di studio.

Una singola dose del vaccino mRNA-1345 non ha dato luogo a evidenti problemi di sicurezza e ha portato a un’incidenza inferiore di malattie del tratto respiratorio inferiore associate al virus RSV e di malattie respiratorie acute associate al virus RSV rispetto al placebo tra gli adulti di età pari o superiore a 60 anni. ( Xagena2023 )

Wilson E et al, N Engl J Med 2023; 389: 2233-2244

Pneumo2023 Inf2023 Vac2023 Med2023 Farma2023



Indietro