Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Gastrobase.it

Efficacia, immunogenicità e sicurezza di VXA-A1.1, un vaccino antinfluenzale orale


L'influenza è un importante problema di salute pubblica e i vaccini esistenti non sono completamente protettivi. Sono necessari nuovi vaccini che proteggano con meccanismi alternativi per migliorare l'efficacia dei vaccini antinfluenzali.

Nel 2015, è stata condotta una sperimentazione di fase 1 su un vaccino antinfluenzale orale, VXA-A1.1.
Un profilo di sicurezza favorevole e risultati di immunogenicità robusti in quello studio hanno supportato la progressione del vaccino all'attuale studio di fase 2 che ha valutato l'efficacia del vaccino in un modello challenge di influenza umana.

Lo studio di fase 2 è stato condotto in un unico sito, controllato con placebo e con controllo attivo presso WCCT Global, Costa Mesa, CA, USA.
Gli individui idonei avevano un titolo iniziale di inibizione dell'emoagglutinazione A / California / H1N1 inferiore a 20, avevano un'età compresa tra 18 e 49 anni ed erano in buona salute.

Gli individui sono stati assegnati in modo casuale a ricevere una singola immunizzazione di 1011 unità infettive di VXA-A1.1 per via orale ( un vaccino monovalente in compresse ), una dose umana completa di vaccino influenzale inattivato quadrivalente ( IIV ) tramite iniezione intramuscolare o placebo abbinato.

Dopo 90 giorni dall'immunizzazione, gli individui senza sintomi o segni di influenza clinicamente significativi, una temperatura orale superiore a 37.9°C, un risultato positivo per la diffusione virale respiratoria su un test Biofire, e qualsiasi controindicazione valutata dallo sperimentatore sono stati sottoposti a challenge per via intranasale con 0.5 ml di virus influenzale wild-type A / CA / like (H1N1) pdm09.

Gli esiti primari erano la sicurezza, valutata in tutti i partecipanti immunizzati nell’arco di 365 giorni, e la malattia positiva all'influenza dopo il challenge virale, valutata negli individui che hanno ricevuto il challenge virale e il numero richiesto di valutazioni dopo il challenge virale.

Tra il 2016 e il 2017, 374 individui sono stati valutati per l'idoneità, di cui 179 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere VXA-A1.1 ( n=71; un individuo non ha fornito una scheda del diario, quindi gli eventi sollecitati sono stati valutati in 70 individui ), vaccino influenzale inattivato quadrivalente ( n=72 ) o placebo ( n=36 ).

Tra il 2016 e il 2017, 143 individui idonei ( 58 nel gruppo VXA-A1.1, 54 nel gruppo vaccino IIV e 31 nel gruppo placebo ) sono stati sottoposti a challenge col virus dell'influenza.
VXA-A1.1 è risultato ben tollerato senza eventi avversi gravi o clinicamente significativi.

Gli eventi avversi sollecitati più prevalenti per ciascuno dei gruppi di trattamento dopo l'immunizzazione sono stati il ​​mal di testa nel gruppo VXA-A1 ( in 5 su 70 partecipanti, 7% ) e placebo ( in 7 su 36 partecipanti, 19% ) e indolenzimento al sito di iniezione nel gruppo IIV ( in 19 su 72 partecipanti, 26% ).

Malattia positiva all'influenza dopo Il challenge è stata rilevata in 17 su 58 individui ( 29% ) nel gruppo VXA-A1.1, 19 su 54 ( 35% ) nel gruppo vaccino IIV e 15 su 31 ( 48% ) nel gruppo placebo.

VXA-A1.1 somministrato per via orale è risultato ben tollerato e ha generato un'immunità protettiva contro la diffusione del virus, simile a un vaccino influenzale inattivato quadrivalente per via intramuscolare autorizzato.
Questi risultati rappresentano un importante passo avanti nello sviluppo di un vaccino antinfluenzale orale sicuro ed efficace. ( Xagena2020 )

Liebowitz D et al, Lancet Infectious Diseases 2020; 20: 435-444

Vac2020 Med2020 Inf2020 Farma2020



Indietro