Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Immunogenicità e sicurezza di un vaccino tri-antigenico contro un vaccino mono-antigenico per l'epatite B negli adulti: studio PROTECT


Il tasso di sieroprotezione ( SPR ) della vaccinazione contro l'epatite B negli adulti non è ottimale.

Lo scopo dello studio è stato quello di confrontare il tasso di sieroprotezione di un vaccino tri-antigenico contro l'epatite B ( TAV ), con un vaccino mono-antigenico ( MAV ) negli adulti di tutte le età.

È stato condotto uno studio multicentrico, in doppio cieco, di fase 3, randomizzato e controllato ( PROTECT ) che ha confrontato l'immunogenicità e la sicurezza del vaccino TAV con il vaccino MAV in 28 siti ospedalieri negli Stati Uniti, Finlandia, Canada e Belgio.

Gli adulti di età maggiore o uguale a 18 anni sieronegativi per il virus dell'epatite B ( HBV ), compresi quelli con condizioni croniche comuni ben controllate, sono stati assegnati in modo casuale e stratificati per centro di studio ed età.

I partecipanti hanno ricevuto vaccino TAV o vaccino MAV che sono stati somministrati come dose intramuscolare ( 1 ml ) di vaccino TAV ( 10 mcg; Sci-B-Vac, vaccini VBI, SciVac, Rehovot, Israele ) o vaccino MAV ( 20 mcg; Engerix-B, GlaxoSmithKline Biologicals, Rixensart, Belgio ) nei giorni 0, 28, e 168 con sei visite di studio e 24 settimane di follow-up dopo la terza vaccinazione.
I partecipanti, i ricercatori e coloro che valutavano i risultati non conoscevano l'assegnazione di gruppo.

Gli esiti co-primari dovevano mostrare la non-inferiorità del tasso di sieroprotezione 4 settimane dopo la terza vaccinazione con vaccino TAV rispetto a vaccino MAV negli adulti di età pari o superiore a 18 anni, nonché la superiorità negli adulti di età pari o superiore a 45 anni.
Il tasso di sieroprotezione è stato definito come la percentuale di partecipanti che hanno raggiunto titoli anti-HBs di 10 mIU/ml o superiori.

La non-inferiorità del vaccino TAV rispetto al vaccino MAV è stata conclusa se il limite inferiore dell'intervallo di confidenza ( IC ) al 95% per la differenza tra i gruppi era maggiore di -5%.
La non-inferiorità è stata valutata nel gruppo di partecipanti per protocollo ( età maggiore o uguale a 18 anni ) e la superiorità è stata valutata in tutti i partecipanti ( età maggiore o uguale a 45 anni ) che hanno ricevuto almeno una vaccinazione e che avevano almeno un campione di immunogenicità valutabile dopo il basale ( set di analisi completo ).

Le analisi di sicurezza erano un esito secondario e includevano tutti i partecipanti che avevano ricevuto almeno una iniezione.

Tra il 2017 e il 2019, sono stati assegnati 1.607 partecipanti ( 796 assegnati a vaccino TAV e 811 assegnati a vaccino MAV ) in modo casuale e distribuiti in coorti di età di 18-44 anni ( 299 su 1.607; 18.6% ), 45-64 anni ( 716 su 1.607; 44.6% ) e 65 anni e oltre ( 592 su 1.607; 36.8% ).

Nei partecipanti di età pari o superiore a 18 anni, il tasso di sieroprotezione era del 91.4% ( 656 su 718 ) nel gruppo vaccino TAV rispetto al 76.5% ( 553 su 723 ) nel gruppo vaccino MAV ( differenza 14.9% ), mostrando la non-inferiorità nell'insieme per protocollo.

Nei partecipanti di età pari o superiore a 45 anni, il tasso di sieroprotezione era dell’89.4% ( 559 su 625 ) nel gruppo vaccino TAV rispetto al 73.1% ( 458 su 627 ) nel gruppo vaccino MAV ( differenza 16.4% ), mostrando la superiorità nell'intero set di analisi.

Il vaccino TAV è stato associato a tassi più elevati di dolore al sito di iniezione lieve o moderato ( 63.2%, 503 su 796, in TAV vs 36.3%, 294 su 811, in MAV ), dolorabilità ( 60.8%, 484 su 796, in TAV vs 34.8%, 282 su 811, in MAV ) e mialgia ( 34.7%, 276 su 796, vs 24.3%, 197 su 811, in MAV ).
Per il resto, il profilo di sicurezza del vaccino TAV era simile a quello del vaccino MAV.

La sicurezza e l'efficacia del vaccino tri-antigenico contro l'epatite B ha mostrato la sua utilità per la prevenzione dell'infezione da virus HBV negli adulti, compresi quelli con condizioni croniche stabili e controllate. ( Xagena2021 )

Vesikari T et al, Lancet Infectious Diseases 2021; 9: 1271-1281

Inf2021 Vac2021 Farma2021


Indietro