Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Farmaexplorer.it

Immunogenicità umorale e cellulare a una seconda dose del vaccino COVID-19 BNT162b2 in persone che ricevono Metotrexato o immunosoppressione mirata


I vaccini COVID-19 hanno una robusta capacità di indurre una risposta immunitaria ( immunogenicità ) nella popolazione generale.
Tuttavia, i dati per le persone con malattie infiammatorie immuno-mediate che stanno assumendo immunosoppressori rimangono scarsi.

Uno studio di coorte precedentemente pubblicato ha mostrato che il Metotrexato, ma non i farmaci biologici mirati, ha alterato l'immunità umorale funzionale a una singola dose del vaccino COVID-19 BNT162b2 ( Pfizer-BioNTech; Comirnaty ), mentre le risposte cellulari sono state simili.
Sono state valutate le risposte immunitarie dopo la seconda dose.

In questo studio di coorte longitudinale, sono stati reclutati individui con psoriasi che stavano ricevendo Metotrexato o monoterapia biologica mirata ( inibitori del fattore di necrosi tumorale [ TNF ], inibitori dell'interleuchina 17 [ IL-17 ] o inibitori di IL-23 ) da un Centro specializzato per la psoriasi che serve Londra e il sud-est dell'Inghilterra.

La coorte di controllo sana era costituita da volontari senza psoriasi, non-sottoposti a immunosoppressione.
L'immunogenicità è stata valutata immediatamente prima, il giorno 28 dopo la prima vaccinazione con BNT162b2 e il giorno 14 dopo la seconda dose ( somministrata secondo un regime a intervalli prolungati ).

Sono state riportate le risposte immunitarie dopo la seconda dose.

Gli esiti primari erano l'immunità umorale alla glicoproteina spike SARS-CoV-2, definita come titoli di IgG specifiche per spike totali e di anticorpi neutralizzanti contro variante wild-type, alfa ( B.1.1.7 ) e delta ( B.1.617.2 ) e immunità cellulare definita come risposte dei linfociti T spike-specifici ( incluso il numero di cellule che producono interferone-gamma, IL-2, IL-21 ).

Tra il 14 gennaio e il 4 aprile 2021, sono state reclutate 121 persone e i dati erano disponibili per 82 partecipanti dopo la seconda vaccinazione.
La popolazione in studio comprendeva pazienti con psoriasi trattati con Metotrexato ( n=14 ), inibitori del TNF ( n=19 ), inibitori di IL-17 ( n=14 ), inibitori di IL-23 ( n=20 ) e 15 controlli sani, che avevano ricevuto entrambe le dosi di vaccino.

L'età mediana della popolazione in studio era di 44 anni, con 43 maschi ( 52% ) e 71 partecipanti ( 87% ) di etnia bianca.

Tutti i partecipanti presentavano anticorpi specifici per la proteina spike rilevabili dopo la seconda dose, e tutti i gruppi ( Metotrexato, prodotti biologici mirati e controlli sani ) hanno dimostrato titoli anticorpali neutralizzanti simili contro varianti wild-type, alfa e delta.

Per contro, una percentuale inferiore di partecipanti trattati con Metotrexato ( 8 su 13, 62% ) e farmaci biologici mirati ( 37 su 50, 74%; P=0.38 ) hanno mostrato risposte dei linfociti T rilevabili dopo la seconda dose di vaccino, rispetto ai controlli ( 14 su 14, 100%; P=0.022 ).

Non vi è stata alcuna differenza nell'entità delle risposte dei linfociti T tra i pazienti che ricevevano Metotrexato ( cellule mediane secernenti citochine per 10(6) cellule 160 ), biologici mirati ( 169, P=0.56 ) e controlli ( 185, P=0.41 ).

L'immunità umorale funzionale ( risposta anticorpale neutralizzante ) 14 giorni dopo una seconda dose del vaccino BNT162b2 non è stata compromessa dal Metotrexato o da agenti biologici mirati.
Una percentuale di pazienti in immunosoppressione non ha avuto risposte dei linfociti T rilevabili dopo la seconda dose.
La longevità delle risposte anticorpali indotte dal vaccino è sconosciuta in questa popolazione. ( Xagena2022 )

Mahil SK et al, Lancet Rheumatology 2022; 4: 42-52

Reuma2022 Inf2022 Vac2022 Farma2022



Indietro