Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Miocardite e pericardite dopo la vaccinazione per COVID-19


Sono stati segnalati rari casi di infiammazione cardiaca a seguito della vaccinazione per SARS-CoV-2. Sono state riesaminate le cartelle cliniche dei soggetti vaccinati per identificare casi di miocardite o pericardite post-vaccinazione.

Sono stati inclusi 40 ospedali a Washington, Oregon, Montana e Los Angeles County, California, che facevano parte del sistema sanitario di Providence e utilizzavano la stessa cartella clinica elettronica.
Sono stati identificati tutti i pazienti con vaccinazioni documentate per COVID-19 fino al 25 maggio 2021.

Sono stati confrontati i tassi mensili di diagnosi ospedaliere per la prima volta ( esclusi i pazienti con diagnosi precedenti da gennaio 2018 a gennaio 2019 ) da gennaio 2019 a gennaio 2021 ( periodo pre-vaccino ) e da febbraio a maggio 2021 ( periodo del vaccino ).

Tra 2.000.287 individui che avevano ricevuto almeno 1 vaccinazione per COVID-19, il 58.9% erano donne, l'età media era di 57 anni, al 76.5% era stata somministrata più di 1 dose; il 52.6% aveva ricevuto il vaccino Pfizer / BioNTech ( BNT162b2 ), il 44.1% il vaccino Moderna ( mRNA-1273 ) e il 3.1% era stato trattato con il vaccino Janssen / Johnson & Johnson ( Ad26.COV2.S ).

Tutti e 20 gli individui presentavano miocardite correlata al vaccino ( 1.0 per 100.000 ) e 37 avevano pericardite ( 1.8 per 100.000 ).
La miocardite si è verificata 3.5 giorni ( valore mediano ) dopo la vaccinazione ( vaccino mRNA-1273, 11 casi, 55%; vaccino BNT162b2, 9 casi, 45% ).
In generale, 15 individui ( 75% ) erano maschi e l'età media era di 36 anni. 4 persone ( 20% ) hanno sviluppato sintomi dopo la prima vaccinazione e 16 ( 80% ) hanno sviluppato sintomi dopo la seconda.
19 pazienti ( 95% ) sono stati ricoverati in ospedale.
Tutti sono stati dimessi dopo una mediana di 2 giorni. Non ci sono state riammissioni o decessi.
2 pazienti hanno ricevuto una seconda vaccinazione dopo l'insorgenza della miocardite; nessuno dei due ha avuto un peggioramento dei sintomi.
All'ultimo follow-up disponibile ( mediana, 23.5 giorni dopo l'insorgenza dei sintomi ), 13 pazienti ( 65% ) hanno avuto una risoluzione dei sintomi e 7 ( 35% ) stavano migliorando.

La pericardite si è sviluppata dopo la prima immunizzazione in 15 casi ( 40.5% ) e dopo la seconda immunizzazione in 22 casi ( 59.5% ) ( vaccino mRNA-1273, 12 casi, 32%; vaccino BNT162b2, 23 casi, 62%; vaccino Ad26.COV2.S, 2 casi, 5% ).
L'esordio mediano è stato 20 giorni dopo la vaccinazione più recente. 27 individui ( 73% ) erano maschi e l'età media era di 59 anni.
13 ( 35% ) sono stati ricoverati in ospedale, nessuno in terapia intensiva.
La permanenza mediana è stata di 1 giorno.
7 pazienti con pericardite hanno ricevuto una seconda vaccinazione.
Nessun paziente è morto.
All'ultimo follow-up disponibile ( mediana, 28 giorni ), 7 pazienti ( 19% ) avevano risolto i sintomi e 23 ( 62% ) stavano migliorando.

Il numero medio mensile di casi di miocardite o miopericardite durante il periodo pre-vaccino è stato 16.9 vs 27.3 durante il periodo vaccinale ( P minore di 0.001 ).
Il numero medio di casi di pericardite durante gli stessi periodi è stato di 49.1 e 78.8, rispettivamente ( P minore di 0.001 ).

Dopo la vaccinazione contro COVID-19 sono state osservate due distinte sindromi autolimitanti, miocardite e pericardite.
La miocardite si è sviluppata rapidamente nei pazienti più giovani, soprattutto dopo la seconda vaccinazione.
La pericardite ha colpito i pazienti più anziani più tardi, dopo la prima o la seconda dose.

Alcuni vaccini sono associati alla miocardite, inclusi i vaccini a mRNA, e il CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ) hanno recentemente riportato una possibile associazione tra vaccini a mRNA ( RNA messaggero ) per COVID-19 e miocardite, principalmente in individui di sesso maschile più giovani entro pochi giorni dopo la seconda vaccinazione, con un'incidenza di circa 4.8 casi per 1 milione.

Questo studio ha mostrato un modello simile, sebbene con un'incidenza più elevata, suggerendo una sottosegnalazione degli eventi avversi del vaccino.
Inoltre, la pericardite può essere più comune della miocardite tra i pazienti più anziani.

Le limitazioni dello studio hanno incluso casi persi in strutture di assistenza esterne e diagnosi mancate di miocardite o pericardite, che sottostimerebbero l'incidenza, nonché informazioni imprecise sulla vaccinazione nelle cartelle cliniche.

L'associazione temporale non ha dimostrato la causalità, sebbene il breve lasso di tempo tra la vaccinazione e l'insorgenza di miocardite e l'elevata incidenza di miocardite e pericardite negli ospedali dello studio siano a supporto di una possibile relazione. ( Xagena2021 )

Diaz GA et al, JAMA 2021; 326: 1210-1212

Cardio2021 Inf2021 Vac2021 Med2021 Farma2021


Indietro