Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Sicurezza e immunogenicità del vaccino SARS-CoV-2 mRNA-1273 negli anziani


I test sui candidati vaccini per prevenire la sindrome respiratoria acuta grave da infezione da coronavirus 2 ( SARS-CoV-2 ) in una popolazione anziana sono importanti, poiché l'aumento dell'incidenza di malattia e morte per malattia da coronavirus 2019 ( Covid-19 ) è stato associato all’età.

È stato condotto uno studio di fase 1, dose-escalation, in aperto di un vaccino a RNA messaggero, mRNA-1273 ( Moderna ), che codifica per la proteina stabilizzata prefusione SARS-CoV-2 spike ( S-2P ) in adulti sani.

Lo studio è stato ampliato per includere 40 adulti più anziani, stratificati in base all'età ( da 56 a 70 anni o 71 anni e oltre ).
Tutti i partecipanti sono stati assegnati in sequenza a ricevere due dosi di vaccino da 25 mcg o 100 mcg somministrate a distanza di 28 giorni.

Gli eventi avversi indotti sono stati prevalentemente di gravità lieve o moderata e più frequentemente hanno incluso affaticamento, brividi, mal di testa, mialgia e dolore al sito di iniezione.
Tali eventi avversi sono stati dose-dipendenti e più comuni dopo la seconda immunizzazione.

Le risposte dell'anticorpo legante sono aumentate rapidamente dopo la prima immunizzazione.

Al giorno 57, tra i partecipanti che hanno ricevuto la dose da 25 mcg, il titolo di media geometrica ( GMT ) anti-S-2P è stato 323.945 tra i soggetti di età compresa tra 56 e 70 anni e 1.128.391 tra quelli che avevano 71 anni di età o più; tra i partecipanti che hanno ricevuto la dose da 100 mcg, il GMT nei due sottogruppi di età è stato rispettivamente di 1.183.066 e 3.638.522.
Dopo la seconda immunizzazione, l'attività neutralizzante del siero è stata rilevata in tutti i partecipanti con metodi multipli.

Le risposte anticorpali leganti e neutralizzanti sono sembrate simili a quelle precedentemente riportate tra i soggetti vaccinati di età compresa tra 18 e 55 anni, e sono state superiori alla mediana di un panel di controlli che avevano donato plasma convalescente.
Il vaccino ha indotto una forte risposta delle citochine CD4 che ha coinvolto le cellule T helper di tipo 1.

In questo piccolo studio che ha coinvolto adulti anziani, gli eventi avversi associati al vaccino mRNA-1273 sono stati principalmente lievi o moderati.
La dose da 100 mcg ha indotto titoli di anticorpi leganti e neutralizzanti più elevati rispetto alla dose da 25 mcg, supportando l'uso della dose da 100 mcg in uno studio di fase 3 sul vaccino. ( Xagena2020 )

Anderson EJ et al, N Engl J Med 2020; 383: 2427-2438

Inf2020 Med2020 Vac2020 Farma2020


Indietro