Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Sicurezza e immunogenicità delle formulazioni di CoV2 preS dTM, un vaccino proteico ricombinante SARS-CoV-2 in adulti sani


CoV2 preS dTM ( Sanofi Pasteur ) è un vaccino con proteine ​​spike prefusione stabilizzate prodotto in un sistema di espressione di baculovirus in fase di sviluppo contro SARS-CoV-2.

Sono stati presentati i risultati provvisori di sicurezza e immunogenicità del primo studio sull'uomo del vaccino CoV2 preS dTM con due diverse formulazioni adiuvanti.

Questo studio di fase 1-2, randomizzato, in doppio cieco è stato condotto su adulti sani e sieronegativi per SARS-CoV-2 in 10 Centri di ricerca clinica negli Stati Uniti.
I partecipanti sono stati stratificati per età ( 18-49 anni e maggiore o uguale a 50 anni ) e sono stati assegnati in modo casuale a ricevere una dose ( il giorno 1 ) o due dosi ( il giorno 1 e 22 ) di placebo o vaccino candidato, contenente antigene a basso dosaggio ( dose efficace 1.3 mcg ) o ad alto dosaggio ( 2.6 mcg ) con adiuvante AF03 ( Sanofi Pasteur ) o AS03 ( GlaxoSmithKline ) o antigene non-adiuvato ad alto dosaggio ( solo 18-49 anni ).

Gli endpoint primari erano la sicurezza, valutata fino al giorno 43, e l'immunogenicità, misurata come anticorpi neutralizzanti SARS-C0V-2 ( titoli medi geometrici ), valutate nei giorni 1, 22 e 36 campioni di siero.

La sicurezza è stata valutata in base al trattamento ricevuto nel set di analisi di sicurezza, che includeva tutti i partecipanti assegnati in modo casuale che avevano ricevuto almeno una dose.
I titoli anticorpali neutralizzanti sono stati valutati nell'analisi per protocollo impostata per l'immunogenicità, che includeva i partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose, hanno soddisfatto tutti i criteri di inclusione ed esclusione, non hanno avuto deviazioni dal protocollo, hanno avuto risultati negativi nel test di neutralizzazione al basale e avevano a almeno un campione sierologico post-dose valido.

Questa analisi intermedia pianificata ha riportato i dati fino a 43 giorni dopo la prima vaccinazione; i partecipanti allo studio saranno seguiti per 12 mesi dopo l'ultima iniezione dello studio.

Tra il 3 e il 29 settembre 2020, 441 individui ( 299 di età compresa tra 18 e 49 anni e 142 di età maggiore o uguale a 50 anni ) sono stati assegnati in modo casuale a uno degli 11 gruppi di trattamento.
Le analisi di sicurezza ad interim hanno riguardato 439 partecipanti su 441 ( superiore al 99% ) assegnati in modo casuale ( 299 di età compresa tra 18 e 49 anni e 140 di età maggiore o uguale a 50 anni ).

I titoli anticorpali neutralizzanti sono stati analizzati in 326 partecipanti su 441 ( 74% ) ( 235 su 299, 79%, di età compresa tra 18 e 49 anni e 91 su 142, 64%, di età maggiore o uguale a 50 anni ).

Non ci sono stati eventi avversi immediati non-richiesti correlati al vaccino, eventi avversi gravi, eventi avversi assistiti da medici classificati come gravi o eventi avversi di particolare interesse.

Tra tutti i partecipanti allo studio, reazioni locali e sistemiche sollecitate di qualsiasi grado dopo due dosi di vaccino sono state riportate nell'81% ( 21 su 26 ) dei partecipanti al gruppo a basso dosaggio più AF03, 93% ( 74 su 80 ) nel gruppo a basso dosaggio più AS03, 89% ( 23 su 26 ) nel gruppo ad alto dosaggio più AF03, 95% ( 81 su 85 ) nel gruppo ad alto dosaggio più AS03, 29% ( 5 su 17 ) nel gruppo ad alto dosaggio non-adiuvato e 21% ( 6 su 29 ) nel gruppo placebo.

Una singola dose di vaccino non ha generato titoli anticorpali neutralizzanti superiori ai livelli del placebo in nessun gruppo ai giorni 22 o 36.
Tra i partecipanti di età compresa tra 18 e 49 anni, i titoli anticorpali neutralizzanti dopo due dosi di vaccino sono stati 13.1 nel gruppo a basso dosaggio più AF03, 20.5 nel gruppo a basso dosaggio più AS03, 43.2 nel gruppo ad alto dosaggio più AF03, 75.1 nel gruppo ad alto dosaggio più AS03, 5.00 nel gruppo ad alto dosaggio non adiuvato e 5.00 nel gruppo placebo.

Tra i partecipanti di età pari o superiore a 50 anni, i titoli anticorpali neutralizzanti dopo due dosi di vaccino sono stati 8.62 nel gruppo a basso dosaggio più AF03, 12.9 nel gruppo a basso dosaggio più AS03, 12.3 nel gruppo ad alto dosaggio più AF03, 52.3 nel gruppo ad alto dosaggio più AS03 e 5.00 nel gruppo placebo.

Le risposte immunitarie inferiori al previsto, specialmente nei gruppi di età più avanzata, e l'elevata reattogenicità dopo la dose due sono state probabilmente dovute a un contenuto proteico della cellula ospite più elevato del previsto e a dosi di antigene inferiori a quelle pianificate nelle formulazioni testate, scoperte durante gli studi di caratterizzazione sulla sostanza farmacologica finale.
L'ulteriore sviluppo del candidato vaccino adiuvato con AS03 si concentrerà sull'identificazione della formulazione e della dose ottimali dell'antigene. ( Xagena2021 )

Goepfert PA et al, Lancet Infectious Diseases 2021; 9: 1257-1270

Inf2021 Vac2021 Farma2021


Indietro