Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Sputnik V: sicurezza ed efficacia di un vaccino contro COVID-19 prime-boost eterologo basato su vettori rAd26 e rAd5


Un vaccino eterologo a base di adenovirus ricombinante ( rAd ), Gam-COVID-Vac ( Sputnik V ), ha mostrato un buon profilo di sicurezza e ha indotto forti risposte immunitarie umorali e cellulari nei partecipanti a studi clinici di fase 1/2.

Sono stati riportati i risultati preliminari sull'efficacia e sulla sicurezza di Gam-COVID-Vac dall'analisi ad interim di uno studio di fase 3.

È stato condotto uno studio di fase 3 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo in 25 ospedali e policlinici a Mosca, in Russia.
Sono stati inclusi partecipanti di almeno 18 anni, con test PCR SARS-CoV-2 e IgG e IgM negativi, nessuna malattia infettiva nei 14 giorni precedenti l'arruolamento e nessun'altra vaccinazione nei 30 giorni precedenti l'arruolamento.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere il vaccino o il placebo, con stratificazione per gruppo di età.
I partecipanti e i ricercatori e medici dello studio non conoscevano l'assegnazione di gruppo.

Il vaccino è stato somministrato ( 0.5 ml/dose ) per via intramuscolare in un regime prime-boost: un intervallo di 21 giorni tra la prima dose ( rAd26 ) e la seconda dose ( rAd5 ), con entrambi i vettori che trasportavsno il gene per la glicoproteina S di SARS-CoV-2.
L'esito primario era la percentuale di partecipanti con COVID-19 confermata dalla PCR dal giorno 21 dopo aver ricevuto la prima dose.

Tutte le analisi hanno escluso i partecipanti con violazioni del protocollo: l'esito primario è stato valutato nei partecipanti che avevano ricevuto due dosi di vaccino o placebo, gli eventi avversi gravi sono stati valutati in tutti i partecipanti che avevano ricevuto almeno una dose al momento del blocco del database e gli eventi avversi rari sono stati valutati in tutti i partecipanti che avevano ricevuto due dosi e per i quali tutti i dati disponibili erano stati verificati nel case report al momento del blocco del database.

Tra il 7 settembre e il 24 novembre 2020, 21.977 adulti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo vaccino ( n=16.501 ) o al gruppo placebo ( n=5.476 ).
19.866 hanno ricevuto due dosi di vaccino o placebo e sono stati inclusi nell'analisi dell’esito primario.

A partire da 21 giorni dopo la prima dose di vaccino ( giorno della dose 2 ), è stato confermato che 16 su 14.964 partecipanti ( 0.1% ) al gruppo vaccino e 62 su 4.902 partecipanti ( 1.3% ) al gruppo placebo avevano COVID-19; l'efficacia del vaccino è stata del 91.6%
.
La maggior parte degli eventi avversi segnalati era di grado 1 ( 7.485 su 7.966 eventi totali, 94.0% ). 45 su 16.427 partecipanti ( 0.3% ) al gruppo vaccino e 23 su 5.435 partecipanti ( 0.4% ) al gruppo placebo hanno avuto eventi avversi gravi; nessuno è stato considerato associato alla vaccinazione, con conferma da parte del Comitato indipendente di monitoraggio dei dati.

Durante lo studio sono stati segnalati 4 decessi ( 3 su 16.427 partecipanti al gruppo vaccino, inferiore a 0.1%, e 1 su 5.435 partecipanti al gruppo placebo, inferiore a 0.1% ), nessuno dei quali è stato considerato correlato al vaccino.

Questa analisi ad interim dello studio di fase 3 di Gam-COVID-Vac ha mostrato un'efficacia del 91.6% contro COVID-19 e che il vaccino è stato ben tollerato in un'ampia coorte. ( Xagena2021 )

Logunov DY et al, Lancet 2021; 397: 671-681

Inf2021 Med2021 Vac2021 Farma2021


Indietro