Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Sviluppo di anticorpi dopo la vaccinazione contro il COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni nei Paesi Bassi


I dati sull'immunogenicità dei vaccini COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni, che sono spesso trattati con farmaci immunosoppressori, sono scarsi.
È stato studiato l'effetto di diversi farmaci immunosoppressori sullo sviluppo di anticorpi dopo la vaccinazione COVID-19 nei pazienti con malattie autoimmuni.

In uno studio, sono stati utilizzati campioni di siero raccolti da pazienti con malattie autoimmuni e controlli sani che sono stati inclusi in due studi prospettici di coorte in corso nei Paesi Bassi.
I partecipanti potevano essere inclusi in questo sottostudio se erano stati vaccinati con qualsiasi vaccino COVID-19 tramite il Programma nazionale olandese di vaccinazione, che all'epoca stava dando la priorità alla vaccinazione degli individui più anziani.

I campioni sono stati raccolti dopo la prima o la seconda vaccinazione contro COVID-19. Non sono stati raccolti campioni seriali.
Sono stati misurati i tassi di sieroconversione e i titoli anticorpali IgG contro il dominio di legame al recettore della proteina spike di SARS-CoV-2.
È stata esaminata l'associazione tra l'uso di farmaci al momento della vaccinazione e almeno fino al campionamento, i tassi di sieroconversione e i titoli anticorpali IgG.

Tra il 26 aprile 2020 e il 1 marzo 2021, sono stati reclutati 3.682 pazienti con malattie reumatiche, 546 pazienti con sclerosi multipla e 1.147 controlli sani per partecipare ai due studi di coorte prospettici.
I campioni sono stati raccolti da pazienti con malattie autoimmuni ( n=632 ) e controlli sani ( n=289 ) dopo la prima ( 507 pazienti e 239 controlli ) o la seconda ( 125 pazienti e 50 controlli ) vaccinazione contro COVID-19.

L'età media sia dei pazienti che dei controlli era di 63 anni e 423 su 632 pazienti ( 67% ) con malattie autoimmuni e 195 su 289 controlli ( 67% ) erano donne.
Tra i partecipanti senza precedente infezione da SARS-CoV-2, la sieroconversione dopo la prima vaccinazione è stata significativamente più bassa nei pazienti rispetto ai controlli ( 210 su 432 pazienti, 49%, vs 154 su 210 controlli, 73%; odds ratio aggiustato, aOR=0.33; P minore di 0.0001 ), principalmente a causa della minore sieroconversione nei pazienti trattati con Metotrexato o terapie anti-CD20.

Dopo la seconda vaccinazione, la sieroconversione ha superato l'80% in tutti i sottogruppi di pazienti trattati, ad eccezione di quelli trattati con terapie anti-CD20 ( 3 su 7 pazienti, 43% ).

Non è stata osservata alcuna differenza nella sieroconversione e nei titoli anticorpali IgG tra i pazienti con una precedente infezione da SARS-CoV-2 che avevano ricevuto una singola dose di vaccino ( 72 su 75 pazienti, 96%, titolo IgG mediano 127 AU/ml ) e pazienti senza una precedente infezione da SARS-CoV-2 che avevano ricevuto due dosi di vaccino ( 97 su 106 pazienti, 92%, titolo IgG mediano 49 AU/ml ).

I dati hanno indicato che la sieroconversione dopo una prima vaccinazione contro COVID-19 è ritardata nei pazienti più anziani trattati con farmaci immunosoppressori specifici, ma che una seconda o ripetuta esposizione a SARS-CoV-2, tramite infezione o vaccinazione, migliora l'immunità umorale nei pazienti trattati con farmaci immunosoppressori.

Pertanto, la seconda somministrazione ritardata dei vaccini COVID-19 dovrebbe essere evitata nei pazienti che ricevono farmaci immunosoppressori.
Devono essere condotti studi futuri che includano pazienti più giovani per confermare la generalizzabilità dei risultati. ( Xagena2021 )

Boekel L et al, Lancet Rheumatology 2021; 3: 778-788

Inf2021 Reuma2021 Vac2021 Med2021 Farma2021


Indietro