Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Reumabase.it

Trombosi cerebrale del seno venoso con Jcovden, il vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson


In uno studio di coorte basato sulla popolazione, i ricercatori hanno osservato un aumento del rischio di trombosi del seno venoso cerebrale dopo la somministrazione del vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson, Jcovden.

Secondo la Johns Hopkins, la trombosi cerebrale del seno venoso ( CVST ) colpisce circa cinque persone su 1 milione ogni anno.

Ad aprile 2021, il CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ) e la FDA ( Food and Drug Admnistration ) hanno raccomandato di sospendere il lancio del vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson dopo che erano stati identificati diversi casi di trombosi CVST tra le persone che hanno ricevuto il vaccino.
Successivamente, il Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione ha raccomandato di riprendere l'uso del vaccino, affermando che i benefici superano i rischi. Ad oggi, il CDC stima che più di 15 milioni di persone negli Stati Uniti abbiano ricevuto il vaccino di Johnson & Johnson.

Uno studio condotto dalla Mayo Clinic ( Stati Uniti ) ha identificato tutti i casi di trombosi CVST segnalati dal 1° gennaio 2001 al 31 dicembre 2015, nella contea di Olmsted, Minnesota, che ospita più strutture della Mayo Clinic.
I ricercatori hanno confrontato i dati con le informazioni raccolte dal Registro VAERS ( Vaccine Adverse Event Reporting System ) del CDC dal 28 febbraio ( data in cui il vaccino Johnson & Johnson è stato autorizzato ) al 7 maggio 2021.

39 individui nella coorte pre-pandemia ( età media alla diagnosi, 41 anni; 56.4% donne ) hanno manifestato trombosi CVST, di questi 29 avevano un fattore di rischio predisponente al tromboembolismo.
Il tasso di incidenza è stato di 2.34 per 100.000 anni-persona ( PY; IC 95%, 1.6-3.08 ).
Il tasso di trombosi CVST aggiustato per l'età è stato pari a 2.46 per 100.000 PY ( IC 95%, 1.43-3.49 ) nelle donne e 2.34 per 100.000 PY ( IC 95%, 1.22-3.46 ) negli uomini.
Il tasso più alto di trombosi CVST si è verificato negli uomini di età pari o superiore a 65 anni ( 6.22 per 100.000 PY; IC 95%, 2.5-12.82 ), quindi nelle donne di età compresa tra 18 e 29 anni ( 4.71 per 100.000 PY; 2.26-8.66 ).

Nel database VAERS, i ricercatori hanno identificato 46 possibili casi di CVST ( età media alla possibile insorgenza, 45 anni; 71.1% donne ) tra i destinatari del vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson, che si sono verificati entro 92 giorni dalla somministrazione del vaccino.
Otto possibili casi di CVST non sono stati inclusi a causa della possibile duplicazione o della non-diagnosi obiettiva.

Il tempo mediano dalla vaccinazione alla trombosi CVST nei 38 casi studiati è stato di 9 giorni ( intervallo interquartile [ IQR ] = 6-13; intervallo 1-51 ).
Inoltre, l'81.6% dei possibili casi di trombosi CVST si è verificato entro 15 giorni dalla vaccinazione e il 94.7% si è presentato entro 30 giorni.
Il tasso complessivo di incidenza di trombosi CVST dopo la vaccinazione con il vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson è stato di 8.65 per 100.000 PY ( IC 95%, 5.88-12.28 ) a 15 giorni; 5.02 per 100.000 PY ( IC 95%, 3.52-6.95 ) a 30 giorni; e 1.73 per 100.000 PY ( IC 95%, 1.22-2.37 ) a 92 giorni.

Dopo ulteriori analisi, il tasso di incidenza della trombosi CVST a 15 giorni dalla vaccinazione è stato pari a 13.01 per 100.000 PY ( IC 95%, 8.24-19.52 ) nelle donne e 4.41 per 100.000 PY ( IC 95%, 1.9-8.68 ) negli uomini.

Il tasso di trombosi CVST tra le donne è stato 5.1 volte più alto nella coorte post-vaccinazione rispetto alla coorte pre-pandemia ( 13.01 vs 2.53 per 100.000 PY ).
Inoltre, tra le donne nella coorte post-vaccinazione, il rischio di trombosi CVST era più alto in quelle di età compresa tra 40 e 49 anni ( 29.5 per 100.000 PY; IC 95%, 13.5-55.95 ), quindi nelle donne di età compresa tra 30 e 39 anni ( 26.5 per 100.000 PY, IC 95%, 10.65-54.63 ), ma il rischio assoluto di trombosi CVST era ancora basso.

È stato sorprendente constatare che siano prevalentemente le donne ( soprattutto donne di età compresa tra 30 e 49 anni ) a essere a maggior rischio di trombosi CVST nei primi 15 giorni dopo la somministrazione del vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson.
Non c'è una spiegazione per questo, ma si può ipotizzare che le donne possano avere fattori di rischio di trombosi CVST aggiuntivi / concomitanti ( ad esempio, uso di pillole contraccettive orali ) o potrebbero avere una predisposizione alla produzione di autoanticorpi che potrebbe aver portato alla trombosi associata a trombocitopenia dopo vaccinazione. ( Xagena2021 )

Fonte: JAMA Internal Medicine, 2021

Inf2021 Vac2021 Emo2021 Neuro2021 Farma2021



Indietro