Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

USA: segnalazioni di casi di trombosi del seno venoso cerebrale con trombocitopenia dopo vaccinazione con Ad26.COV2.S dal 2 marzo al 21 aprile 2021


La trombosi del seno venoso cerebrale ( CVST ) con trombocitopenia, una condizione rara e grave, è stata descritta in Europa a seguito della somministrazione del vaccino ChAdOx1 nCoV-19 ( Oxford / AstraZeneca ), che utilizza un vettore adenovirale di scimpanzé.
È stato proposto un meccanismo simile alla trombocitopenia autoimmune indotta da Eparina ( HIT ).

Negli Stati Uniti, il vaccino Ad26.COV2.S COVID-19 ( Janssen / Johnson & Johnson ), che utilizza un vettore adenovirale umano, ha ricevuto l'autorizzazione all'uso di emergenza ( EUA ) il 27 febbraio 2021.
Entro il 12 aprile 2021, circa 7 milioni di dosi di vaccino Ad26.COV2.S sono state somministrate negli Stati Uniti e 6 casi di trombosi del seno venoso cerebrale con trombocitopenia sono stati identificati tra i riceventi, con conseguente sospensione nazionale temporanea della vaccinazione con questo prodotto il 13 aprile 2021.

Sono state descritte le segnalazioni di trombosi del seno venoso cerebrale con trombocitopenia a seguito della ricezione del vaccino Ad26.COV2.S.
È stata utilizzata una serie di casi di 12 pazienti statunitensi con trombosi del seno venoso cerebrale e trombocitopenia a seguito dell'uso del vaccino Ad26.COV2.S nell'ambito della autorizzazione EUA segnalati al Registro VAERS ( Vaccine Adverse Event Reporting System ) dal 2 marzo al 21 aprile 2021, con follow- fino al 21 aprile 2021.

Gli esiti principali erano il decorso clinico, l’imaging, i test di laboratorio e gli esiti dopo la diagnosi di trombosi del seno venoso cerebrale ottenuti da rapporti VAERS, revisione della cartella clinica e discussione con i medici.

L'età dei pazienti variava da 18 a meno di 60 anni; erano tutte donne bianche, segnalate da 11 Stati.
7 pazienti avevano almeno 1 fattore di rischio per trombosi del seno venoso cerebrale, inclusi obesità ( n=6 ), ipotiroidismo ( n=1 ) e uso di contraccettivi orali ( n=1 ); nessuna aveva una documentata precedente esposizione all'Eparina.

Il tempo dalla vaccinazione con Ad26.COV2.S all'insorgenza dei sintomi variava da 6 a 15 giorni.
11 pazienti inizialmente si sono presentate con cefalea; 1 paziente inizialmente ha presentato dolore alla schiena e successivamente ha sviluppato mal di testa.
Delle 12 pazienti con trombosi del seno venoso cerebrale, 7 hanno presentato anche un'emorragia intracerebrale; 8 avevano trombosi non-CVST.

Dopo la diagnosi di trombosi del seno venoso cerebrale, 6 pazienti hanno ricevuto inizialmente un trattamento con Eparina. Il nadir piastrinico variava da 9 x 103/microl a 127 x 103/microl. Tutte le 11 pazienti testate per l'anticorpo HIT anti-eparina-fattore piastrinico 4 mediante test di immunoassorbimento enzimatico ( ELISA ) hanno avuto risultati positivi. Tutte le pazienti sono state ricoverate ( 10 in Unità di terapia intensiva ).

Al 21 aprile 2021, gli esiti erano decesso ( n=3 ), continuazione dell'assistenza in terapia intensiva ( n=3 ), continuazione dell’ospedalizzazione non-in-terapia intensiva ( n=2 ) e dimissione al domicilio ( n=4 ).

I primi 12 casi statunitensi di trombosi del seno venoso cerebrale con trombocitopenia dopo la vaccinazione con Ad26.COV2.S rappresentano eventi gravi.
Questa serie di casi può fornire indicazioni cliniche man mano che la vaccinazione con Ad26.COV2.S riprenderà negli Stati Uniti, nonché indagini sulla potenziale relazione tra il vaccino Ad26.COV2.S e trombosi del seno venoso cerebrale con trombocitopenia. ( Xagena2021 )

See I et al, JAMA 2021; 325: 2448-2456

Inf2021 Emo2021 Vac2021 Med2021 Farma2021


Indietro