Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
OncoGinecologia.net
Ematologia.net
Reumatologia

Vaccinazione contro le oncoproteine di HPV-16 per la neoplasia intraepiteliale vulvare


La neoplasia intraepiteliale vulvare è una malattia cronica causata da tipi ad alto rischio di papillomavirus umano ( HPV ), in genere da HPV di tipo 16 ( HPV-16 ).

La regressione spontanea si manifesta in meno dell'1.5% delle pazienti e il tasso di recidiva dopo il trattamento è elevato.

Un gruppo di Ricercatori della Leiden University ha valutato l'immunogenicità e l'efficacia di un vaccino sintetico in donne con neoplasia intraepiteliale vulvare di alto grado e positiva per HPV-16.

Venti donne con neoplasia intraepiteliale vulvare di grado 3 e positiva per HPV-16 sono state vaccinate 3 o 4 volte con una miscela di peptidi lunghi da oncoproteine virali E6 ed E7 di HPV-16 in adiuvante incompleto di Freund.

Gli endpoint erano le risposte cliniche e quelle delle cellule T specifiche per HPV-16.

Gli eventi avversi più comuni sono stati gonfiore nel 100% dei pazienti e febbre nel 64% dei pazienti, ma nessuno di questi eventi ha superato il grado 2 dei criteri del Common Terminology Criteria for Adverse Events del National Cancer Institute ( NCI ).

A 3 mesi dopo l'ultima vaccinazione, 12 delle 20 pazienti ( 60% ) hanno mostrato risposta clinica e hanno riferito un sollievo dai sintomi.
Cinque donne hanno mostrato regressione completa per le lesioni, e il sierotipo HPV-16 non è risultato più evidenziabile in 4 di loro.

A 12 mesi di follow-up, 15 pazienti su 19 hanno mostrato risposte cliniche ( 79% ) con una risposta completa in 9 pazienti su 19 ( 47% ).

Il tasso di risposta completa è stato mantenuto a 24 mesi di follow-up.

Tutte le pazienti hanno mostrato risposte dei linfociti T indotte dal vaccino, e le analisi post-hoc hanno suggerito che le pazienti con risposta completa a 3 mesi avevano una risposta significativamente più forte delle cellule T CD4+ proliferative associate a Interferone gamma e una risposta più ampia di cellule T CD8+ associate a Interferone-gamma rispetto alle pazienti senza risposta completa.

In conclusione, le risposte cliniche nelle donne con neoplasia intraepiteliale vulvare di grado 3 e positive per HPV-16 possono essere raggiunte mediante vaccinazione con un vaccino sintetico a lungo peptide contro le oncoproteine E6 ed E7.
Le risposte complete sembrano essere correlate all’induzione dell'immunità specifica per HPV-16. ( Xagena2009 )

Kenter GG et al, N Engl J Med 2009; 361: 1838-1847


Inf2009 Farma2009 Gyne2009


Indietro