Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Valutazione della sieropositività dopo vaccinazione con il vaccino a RNA messaggero Comirnaty per SARS-CoV-2 nei pazienti sottoposti a trattamento per tumore


I pazienti con tumore sottoposti a trattamento sono ad alto rischio di COVID-19 a seguito dell'infezione da SARS-CoV-2; tuttavia, la loro capacità di produrre un'adeguata risposta anticorpale ai vaccini SARS-CoV-2 con RNA messaggero non è ben definita.

Sono stati valutati i tassi di risposta anticorpale antispike ( anti-S ) al vaccino Comirnaty ( BNT162b2; vaccino Pfizer / BioNTech ) nei pazienti con tumore sottoposti a trattamento sistemico rispetto a controlli sani.

Uno studio prospettico di coorte ha incluso 102 pazienti adulti con tumori solidi sottoposti a trattamento antitumorale endovenoso attivo e 78 controlli che hanno ricevuto la seconda dose del vaccino Comirnaty almeno 12 giorni prima dell'arruolamento.

I controlli sono stati presi da un campione di familiari / caregiver dei pazienti che li hanno accompagnati al trattamento.
Lo studio è stato condotto tra il 22 febbraio 2021 e il 15 marzo 2021 presso il Davidoff Cancer Center del Beilinson Hospital ( Petah Tikva, Israele ).

Sono stati prelevati campioni di sangue dai partecipanti allo studio. Sono stati analizzati campioni di siero e sono stati determinati i titoli degli anticorpi IgG contro il dominio legante il recettore della proteina spike di SARS-CoV-2 utilizzando un test immunologico disponibile in commercio. La sieropositività è stata definita come 50 o più AU/ml.

L'esito primario era il tasso di sieropositività. Gli esiti secondari includevano il confronto dei titoli di IgG e l'identificazione di fattori associati alla sieropositività mediante analisi univariate / multivariabili.

L'analisi ha incluso 180 partecipanti, che comprendevano 102 pazienti con cancro ( età mediana 66 anni; 58 uomini, 57% ) e 78 controlli sani ( età mediana 62 anni; 25 uomini, 32% ).

Il tipo di tumore più comune era gastrointestinale ( 29, 28% ). Nel gruppo dei pazienti, 92 ( 90% ) erano sieropositivi per gli anticorpi IgG antispike SARS-CoV 2 dopo la seconda dose di vaccino, mentre nel gruppo di controllo erano tutti sieropositivi.

Il titolo mediano di IgG nei pazienti con tumore era significativamente inferiore a quello nei controlli ( 1.931 AU/ml vs 7.160 AU/ml; P minore di 0.001 ).

In un'analisi multivariata, l'unica variabile che era significativamente associata a titoli di IgG inferiori era il trattamento con chemioterapia più immunoterapia ( beta, -3.5 ).

In questo studio di coorte di pazienti con tumore che stavano ricevendo una terapia sistemica attiva, il 90% dei pazienti ha mostrato un'adeguata risposta anticorpale al vaccino Comirnaty, sebbene i loro titoli anticorpali fossero significativamente inferiori a quelli dei controlli sani.
Sono necessarie ulteriori ricerche sulla rilevanza clinica dei titoli più bassi e sulla loro durata. Tuttavia, i dati supportano la vaccinazione dei pazienti con tumore come priorità assoluta, anche durante la terapia. ( Xagena2021 )

Massarweh A et al, JAMA Oncol 2021; 7: 1133-1140

Onco2021 Vac2021 Med2021 Inf2021 Farma2021


Indietro